Come fanno le fake news a diventare virali?

Le conclusioni di uno studio hanno mostrato che minore è la quantità di informazioni, maggiore è l’attenzione che gli utenti prestano a variabili come la qualità e la veridicità delle notizie.

Lo Shanghai Institute of Technology e l’Università dell’Indiana hanno condotto uno studio in collaborazione con Yahoo per mostrare perché le notizie false diventano virali.

Il processo di ricerca ha comportato la creazione dell’ambiente di un nuovo falso social network, che funzionava con una cronologia inversa come quella di Twitter, e coloro che hanno partecipato allo studio erano consapevoli di essere stati analizzati.

Oltre 10.000 post, i ricercatori hanno modificato metriche come la quantità di tempo che un utente ha trascorso su una notizia, il numero di post e foto che apparivano in ogni sequenza temporale e la qualità del contenuto.

Il motivo dello studio è dato dall’influenza delle notizie false sui risultati delle elezioni americane del 2016. Grandi piattaforme come Facebook hanno già proposto di contrastare le informazioni false in diversi modi, uno dei quali è sensibilizzare gli utenti.

Conclusioni dello studio

Minore è la quantità di informazioni, maggiore è l’attenzione che gli utenti prestano alla qualità e alla veridicità delle notizie, riporta la ricerca.

Il flusso costante di informazioni rende impossibile agli utenti di concentrarsi su un singolo post, rendendoli così più “pigri” e replicando il contenuto senza prima controllarlo.

Sei un operatore sanitario? Impara il LIS!

operatore sanitario

Il linguaggio dei segni (LIS) è una lingua utilizzata dalle comunità sorde e sordocieche per comunicare e interagire con il mondo esterno. In ambito medico, il LIS può essere di…

Un consulente a tutto tondo

un consulente per sostenere le imprese

Carmine Servilio è un consulente aziendale specializzato nel supportare le PMI nei processi di innovazione tecnologica, gestione del cambiamento organizzativo e accesso ai finanziamenti europei per la ricerca e sviluppo….