Come si può installare una canna fumaria e chi deve farlo?

L’installazione di una canna fumaria in un condominio dipende dalle regole stabilite dal regolamento condominiale. Se il regolamento non vieta l’installazione della canna fumaria, allora il condomino che desidera installarla può farlo senza dover chiedere l’autorizzazione all’assemblea. In questo caso, ogni condomino ha la libera facoltà di usare le cose comuni a patto che non apporti modifiche alla destinazione e non ne impedisca l’uso agli altri condomini.

Tuttavia, se il regolamento vieta l’installazione della canna fumaria o se la volontà del condomino è quella di decidere sull’installazione attraverso l’assemblea, allora occorre una maggioranza della metà più uno degli intervenuti alla riunione di condominio e almeno la metà dei millesimi. In questo caso, l’opera diventa di proprietà comune ossia di tutti i condomini.

Per quanto riguarda la realizzazione tecnica della canna fumaria, è importante che questa abbia alcune caratteristiche specifiche. Ad esempio, la parete interna deve essere il più liscia possibile per evitare accumuli di fuliggine e facilitare la pulizia. Inoltre, la dimensione della canna fumaria deve essere adeguata al generatore (caminetto o stufa) e al luogo della casa in cui verrà installata.

Per realizzare correttamente una canna fumaria è consigliabile rivolgersi a un professionista del settore che possa fornire tutte le indicazioni necessarie e garantire un lavoro a norma.

In sintesi, l’installazione di una canna fumaria in un condominio dipende dalle regole stabilite dal regolamento condominiale e dalla volontà del singolo condomino o dell’assemblea. Per realizzare correttamente l’impianto è importante seguire le indicazioni tecniche fornite da un professionista del settore.

Un consulente a tutto tondo

un consulente per sostenere le imprese

Carmine Servilio è un consulente aziendale specializzato nel supportare le PMI nei processi di innovazione tecnologica, gestione del cambiamento organizzativo e accesso ai finanziamenti europei per la ricerca e sviluppo….