Guida alla scelta di un buon caffè

Gli amanti del caffè sanno che per gustare una tazza aromatica di questo liquido, la prima cosa da fare è scegliere i chicchi giusti, macinarli (o farli macinare) e, infine, lasciare che la caffettiera faccia il suo lavoro. Ecco alcuni consigli per scegliere un buon caffè.

1. Identificare la varietà

Può essere Arabica o Robusta, entrambe danno un buon caffè, ma hanno grandi differenze; ad esempio la seconda ha più corpo, il sapore è più amaro e deciso, mentre l’arabica è più fruttata, morbida e con più aroma.

2. Controllare le informazioni sulla confezione

Quando si dice “caffè d’alta quota” significa che viene coltivato in una zona a più di 900 metri sul livello del mare. Questo fa sì che i chicchi maturino più lentamente e acquisiscano caratteristiche più complesse.

3. La tostatura

Per il caffè americano la tostatura è delicata, ma se ti piace la tostatura europea, italiana o francese , la tostatura dovrebbe essere più scura. Prima di macinarli, assicurati che i chicchi siano della stessa dimensione, uniformemente tostati ma non neri.

4. Nella tazza

Una volta preparato, l’importante è l’aroma e il sapore. Sebbene ogni caffè abbia un profilo, è normale che senta sentori di agrumi, vaniglia, frutta e spezie; qualcosa di molto vicino al dolce. Per quanto riguarda il sapore, ha a che fare con la qualità e la tostatura, idealmente ha un sapore fruttato e agrumato e ha un tocco di acidità.

5. Grado di amarezza

Generalmente si aggiunge lo zucchero per nascondere l’amaro, ma se predomina è segno che non è di ottima qualità. La cosa corretta è la sensazione di pulizia al palato e di secchezza ai bordi della lingua.